Infrastrutture. Dal Ponte di Barberino al collegamento della tangenziale di Piacenza all’A21. Ecco gli impegni delle candidate Pd Patrizia Calza e Paola Gazzolo. A Villanova 5,1 milioni dal Cipe per la soppressione dei passaggi a livello. Per il Centro Paralimpico, studio di fattibilità con piscina e pista d’atletica

Piacenza, 28.2.2018 – Il collegamento della tangenziale di Piacenza, da Sordello alla via Emilia, è quindi sull’autostrada A 21. La ricostruzione del Ponte di Barberino, fondamentale per garantire i collegamenti in Val Trebbia in caso di chiusura della Statale 45, e del Ponte sul Cordarezza a Marsaglia. Il consolidamento del muro lungo il Nure, a protezione del Borgo di Bettola. E poi il sostegno alla mobilità sostenibile, per un’aria più pulita, a partire dell’estensione all’intero Paese di misure importanti varate dalla Regione Emilia-Romagna: la “cura del ferro”, che entro il 2020 porterà in circolazione 89 nuovi treni regionali oltre al rinnovo della rete ferroviaria, e l’esenzione del bollo auto per i veicoli ibridi, deliberata nei giorni scorsi dalla Giunta Bonaccini.
Questi gli impegni di Patrizia Calza e Paola Gazzolo, candidate del Partito Democratico nei collegi uninominali di Camera e Senato. Li hanno annunciati ieri, nel corso di una visita in Val d’Arda a cui hanno partecipato insieme ai candidati dem della lista proporzionale Paola De Micheli e Marco Bergonzi.
Ad affiancare gli impegni per il futuro, due risultati concreti dell’azione di Governo e Regione che riguardano il territorio di Villanova. Proprio ieri, il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha annunciato lo stanziamento di 5,1 milioni per la soppressione dei passaggi livello nel centro dell’abitato.
Il nuovo Centro Nazionale Paralimpico – che nascerà dalla ristrutturazione dell’ospedale Verdi – sarà invece dotato di una pista di atletica e una nuova piscina. Lo prevede lo studio di fattibilità redatto dall’Ausl, che comprende anche l’adeguamento antisismico e il rifacimento degli impianti. A finanziare i lavori, sono i 10 milioni già deliberati lo scorso dicembre dal Cipe. Il progetto contiene anche alcune previsioni di fruibilità nei confronti di 12 centro riabilitativi nell’aree limitrofe a Villanova. La gestione del centro sarà a cura del Cip (Centro italiano paralimpico) per la parte sportiva, mentre quella sanitaria e riabilitativa sarà della Regione. “Questi risultati – sottolineano i candidati – sono possibili grazie alla lungimiranza dei sindaci e alla vicinanza dell’ospedale di Fiorenzuola. Il centro di Villanova diventerà davvero il centro di riferimento per tutto il Nord Italia”.