Incontro in coldiretti. Paola De Micheli: continuiamo l’impegno a favore dell’agricoltura


Paola De Micheli: “Quello che è stato fatto per l’agricoltura negli anni di governo fa parte di un patrimonio di credibilità dentro il quale il ruolo di Piacenza è stato fondamentale. Sul tema più sentito del momento, come la crisi idrica abbiamo stanziato 300 milioni e abbiamo inviato al Ministero delle Infrastrutture alcuni degli interventi che riguardano il territorio piacentino. Il piano idrico nazionale è la priorità assoluta per il mondo agricolo, ma dobbiamo anche proseguire nel sostegno alle filiere piacentine, per questo abbiamo avviato il progetto di una zona di marketing territoriale alla Faggiola, mettendoci dei soldi e non solo parole”.

E sulle proposte Coldiretti, ha affermato:”L’etichettatura dei prodotti l’abbiamo voluta con forza e ora va completata e sostenuta in Europa insieme al mondo agricolo per consentire a tutta la filiera di avere il pieno riconoscimento economico”. “Abbiamo già realizzato a Expo 2015 il primo embrione ministero del Cibo e anche Piacenza è un
modello. Occorre perseguire un equilibrio fra buoni controlli e qualità dei prodotti perché questa è una garanzia prima di tutto per gli agricoltori”.

“Per fare buoni accordi internazionali dobbiamo essere consapevoli della nostra forza come sistema Italia, servono regole certe e la capacità di imporre agli altri la reciprocità con il rispetto della tranciabilità dei prodotti. Undici miliardi di più di export del settore agroalimentare negli ultimi anni sono un valore che dobbiamo far ricadere meglio sui produttori. Occorre garantire la selettività degli interventi finanziari della Pac (politica agricola). Sul Fisco
parlano i fatti noi abbiamo abbassato le tasse per gli agricoltori di un miliardo, abbiamo avuto il coraggio di avviare una discussione col mondo agricola per la semplificazione su Agea”.